Logo Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Università degli Studi di Milano foto
Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Università degli Studi di Milano
contatti    cerca    mappa   
Chimica organica
Codice: G280G-
Docente:  Maria Cristina Bellucci
Anno di corso: 
Quadrimestre/semestre: 
CFU: 
Articolazione dei CFU: Lezioni frontali: 4,5
Esercitazioni in aula: 1,5
Obiettivi formativi:  L’obiettivo del corso è quello di fornire agli studenti le nozioni di base riguardanti gli aspetti teorici e sperimentali della chimica organica
Competenze acquisite:  Comprensione delle formule dei composti organici e loro nomenclatura; conoscenza dei principali gruppi funzionali, proprietà e reattività dei composti organici.
Sintesi del programma:  Verranno descritte la struttura, le proprietà chimico-fisiche, i metodi di ottenimento e la reattività delle principali classi di composti organici.
Programma:  Introduzione alla chimica organica: i composti organici: nomenclatura e struttura dei diversi gruppi funzionali. I legami intermolecolari nei composti organici e le loro relazioni con le proprietà chimico-fisiche: volatilità, solubilità, ecc. Alcani e cicloalcani: analisi conformazionale; proprietà chimico-fisiche; reazioni radicaliche. Alcheni: struttura, proprietà, isomeria geometrica. Dieni e polieni. Alcheni: reazioni di addizione elettrofila al doppio legame; reazioni radicaliche. Alcani e alcheni in natura: es: i terpeni I composti aromatici semplici: dal benzene ai policiclici ed eterociclici: struttura, nomenclatura. Alogenoderivati degli idrocarburi: struttura, proprietà. Alcoli: struttura, proprietà. Acidità; reazioni di ossidoriduzione. Fenoli: struttura, acidità, reazioni di ossidoriduzione. Gli antiossidanti. Altri derivati ossigenati: chinoni, eteri, epossidi, i composti solforati: tioli e disolfuri. La stereochimica organica: configurazione assoluta e relativa. Enantiomeri e diastereoisomeri; racemi. Relazioni tra struttura e proprietà biologiche di composti otticamente attivi. I CFC e il buco dell’ozono. I pesticidi. Aldeidi e chetoni: struttura, proprietà. reazioni di ossidoriduzione e di addizione nucleofila al carbonile. Aldeidi e chetoni: semiacetali e acetali. I glucosidi. Aldeidi e chetoni: addizione di nucleofili azotati. I carboidrati: mono-, di- e polisaccaridi. Monosaccaridi: struttura, proiezioni di Fisher, stereochimica. Forme cicliche. Mutarotazione. Disaccaridi e polisaccaridi : proprietà, importanza negli sistemi biologici Acidi carbossilici: proprietà, reazioni acido-base. Derivati degli acidi carbossilici: cloruri acilici, esteri, ammidi, anidridi, carbammati, uree. Reazioni di sostituzione acilica: esterificazione; idrolisi degli esteri e delle ammidi. I lipidi: acidi grassi, trigliceridi, fosfolipidi. Saponi e tensioattivi. Ammine: struttura e proprietà. Composti azotati naturali: es. gli amminoacidi; il legame peptidico; pI, peptidi e proteine. Esercizi scritti in aula su tutti gli argomenti trattati durante le lezioni.
Prerequisiti:  Conoscenza dei contenuti principali relativi al corso di chimica generale e inorganica.
Propedeuticità:  Chimica Generale ed Inorganica.
Materiale didattico:  Qualunque testo di Chimica Organica di base che contenga tutte le tematiche trattate nel corso
Modalità d'esame e altre info:  Durante la frequentazione del corso di Chimica Organica sono previste due prove in itinere entrambe scritte; la prima verrà effettuata a metà corso, la seconda, l’ultima settimana del corso. Possono accedere alla seconda prova solo gli studenti che abbiano superato la prima prova con voto maggiore o uguale a 18.
Per superare l’esame entrambe le prove devono essere sufficienti ossia superate ciascuna con voto maggiore o uguale a 18.
Il voto finale consisterà nella media matemetica dei due voti conseguiti in ciascuna prova in itinere.
Non si effettua colloquio orale.
Le prove in itinere non sono obbligatorie e richiedono l’iscrizione.
La tipologia dei compiti d’esame consiste in un numero variabile di esercizi su tutti gli argomenti trattati e secondo gli esempi mostrati durante le esercitazioni in aula.
I non frequentati possono fare riferimento all’eserciziario “Introduzione alla Chimica Organica” di Brown-Poon, Ed.EDISES, quarta edizione.
Per coloro che non superassero le prove in itinere e per chi decidesse a priori di non parteciparvi, l’esame consisterà in una unica prova scritta nelle date fissate all’interno di ogni sessione d’esame.
La prova unica consisterà in un numero variabile di esercizi sull’intero programma svolto.
DOWNLOAD
Programma di Chimica organica (versione in pdf)
indietro
Università degli Studi di Milano