Logo Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Università degli Studi di Milano foto
Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Università degli Studi di Milano
contatti    cerca    mappa   
Sistemi selvicolturali - unità didattica 2: assestamento forestale
Codice: G2404B
Docente:  Gianfranco Gregorini
Anno di corso: 
Quadrimestre/semestre: 
CFU: 
Articolazione dei CFU: Lezioni frontali: 3
Esercitazioni in aula: 1
Obiettivi formativi:  Il corso si prefigge di portare lo studente a conoscenza delle principali problematiche di gestione dei soprassuoli forestali nel breve-medio periodo, attuata mediante la stesura e l’applicazione dei piani di indirizzo e di assestamento forestale, dei progetti di taglio e di miglioramento boschivo. Attraverso una serie di lezioni, accompagnate da sopralluoghi in bosco ed esercitazioni in aula di informatica per l’elaborazione dei dati rilevati, lo studente dovrà acquisire specifiche abilità sia nella fase di rilevamento dati che nella successiva elaborazione applicativa dei dati di campagna utili alla redazione dei piani e dei progetti, fino alla strutturazione di massima dello strumento di base per la pianificazione forestale.
Competenze acquisite:  Acquisizione di specifiche conoscenze in merito alle problematiche più salienti che riguardano la gestione delle proprietà silvo-pastorali. Comprensione del significato delle diverse azioni pianificatorie proprie dell’ecosistema forestale. Acquisizione di specifiche abilità tecnico-pratiche finalizzate al calcolo delle masse e dell’incremento dei soprassuoli arborei, alla determinazione della ripresa, alla restituzione tabulare
e cartografica dei risultati ottenuti. Saper leggere e interpretazione il bosco e le sue esigenze biologiche in
risposa ad azioni colturali.
Saper definire proposte di intervento valide nel tempo e giustificate sia da un punto di vista tecnico che economico
Sintesi del programma:  1.Richiami di Selvicoltura Generale Principali funzioni del bosco
Principali parametri selvicolturali
Principali riferimenti normativi 2.Dendroauxologia Concetti di provvigione e di incremento
Costruzione della curva ipsometrica
Metodi di cubatura del legname atterrato e in piedi
Diversi tipi di incremento e loro determinazione
Le leggi dell’Auxonomia
Tavole di cubatura
3.Assestamento Forestale
Definizione e Obiettivi dell’Assestamento forestale
Piani di Indirizzo Forestale e Piani di Assestamento Forestale
Compartimentazione del complesso assestamentale
I Tipi Forestali
Le scelte di piano
Regolamento di applicazione del piano
Cartografia di Piano
Programma:  1.Richiami di Selvicoltura Generale 1.1.Principali funzioni del bosco 1.2.Principali parametri selvicolturali (composizione, densità, governo, trattamento, struttura, fertilità stazionale) 1.3.Utilizzazioni ordinarie e cure colturali Principali riferimenti normativi R.D.L. n° 3267 / 1923 L.R. n° 27 / 2004 Legge Forestale Regionale della Lombardia Reg. Regionale n° 5 / 2007 Prescrizioni di Massima Allegato A – Glossario termini utilizzati in selvicoltura L.R. n° 31 / 2008 TESTO UNICO in materia Agricoltura, Foreste, Pesca e Sviluppo Rurale Esercitazione : rilievo diretto dei parametri selvicolturali in bosco 2.Dendroauxologia 2.1.Curva di accrescimento del soprassuolo 2.2.Massa principale, massa reale e massa totale 2.3.Concetti di provvigione e di incremento 2.4.La determinazione dell’area basimetrica 2.5.Altezza media, altezza dominante e statura del soprassuolo 2.6.La costruzione della curva ipsometrica 2.7.Metodi di cubatura del legname atterrato 2.8.La determinazione della massa legnosa per singoli alberi in piedi 2.9.La determinazione della massa legnosa per interi soprassuoli 2.10.Diversi tipi di incremento e loro determinazione 2.11.Metodi di Pressler e Schneider per il calcolo incrementale 2.12.La curva dell’incremento percentuale medio ponderale 2.13.Le leggi dell’Auxonomia 2.14.Determinazione dell’incremento di un singolo albero 2.15.Determinazione dell’incremento di un soprassuolo 2.16.Tavole di cubatura Esercitazione : elaborazione informatica dei parametri selvicolturali rilevati in bosco 3.Assestamento Forestale 3.1.Definizione e Obiettivi dell’Assestamento forestale 3.2.Riferimenti alla Pianificazione Territoriale di livello comprensoriale 3.3.Piani di Indirizzo Forestale e Piani di Assestamento Forestale 3.4.Riferimenti normativi e criteri di stesura dei piani 3.5.La stesura del Piano di Assestamento : fasi di lavoro 3.6.Indagini conoscitive preliminari e inquadramento territoriale 3.7.Interpretazione dell’evoluzione storica dei soprassuoli da assestare 3.8.Compartimentazione del complesso assestamentale 3.8.1.I Tipi Forestali 3.8.2.La compartimentazione del soprassuolo boscato in base a criteri ecologico-attitudinali 3.8.3.La compresa (classe economica o classe ecologico-attitudinale) 3.8.4.La particella 3.8.5.La delimitazione della proprietà silvopastorale 3.8.6.Gli inclusi particellari 3.8.7.La compartimentazione dei pascoli 3.8.8.La compartimentazione dell’incolto produttivo non boscato 3.9.I Rilievi di campagna 3.9.1.Rilievi cartografici e topografici 3.9.2.La descrizione particellare 3.9.3.Il rilievo della massa legnosa (metodi sintetici e metodi analitici) 3.9.3.1.Il cavallettamento totale 3.9.3.2.Campionamento statistico ordinario 3.9.3.3.Campionamento statistico relascopico 3.9.4.Il rilievo delle altezze, la stima della feracità e la determinazione della massa legnosa presente 3.9.5.Il rilievo delle età 3.9.6.Rilievi auxometrici 3.9.7.Determinazione di altri parametri selvicolturali (densità, Abas/ha, composizione %, valori medi) Esercitazione in bosco : rilievo confini e compartimentazione assestamentale; rilievi dendrocronoauxometrici in bosco ; interpretazione tipologie forestali 3.10.Le scelte di piano 3.10.1.Definizione degli obiettivi del piano a medio e lungo termine 3.10.2.Definizione del bosco normale 3.10.3.Il calcolo della ripresa tra metodi tradizionali ed esigenze selvicolturali 3.10.4.La scelta del turno, del tempo di passaggio e del periodo di curazione 3.10.5.Il controllo delle scelte di piano 3.11.La stesura della relazione tecnica illustrativa 3.12.Il regolamento di applicazione del piano 3.13.Modulistica ufficiale Regione Lombardia 3.14.La Cartografia di Piano 3.14.1.Basi cartografiche e loro aggiornamento 3.14.2.La mappa catastale in scala 1 : 10.000 3.14.3.La carta assestamentale in scala 1 : 10.000 3.14.4.La carta della viabilità e dei miglioramenti in scala 1 : 10.000 3.14.5.Carte tematiche accessorie (pedologica, tipi strutturali, utilizzazioni) 3.14.6.Nuove Tecniche di elaborazione e restituzione cartografica 3.14.7.L’utilizzo dei G.I.S. in assestamento Esercitazione a tavolino: utilizzo del G.I.S. per l’elaborazione della cartografia di Piano
Prerequisiti:  Sono richieste conoscenze basilari di matematica e di geometria analitica, oltre alla consapevolezza delle principali problematiche legate alla gestione delle proprietà silvopastorali e al mercato del legno
Propedeuticità:  La conoscenza della selvicoltura generale è propedeutica
all'applicazione dell'assestamento forestale
Materiale didattico:  Sono disponibili dispense riassuntive del Corso sul portale
Ariel, mentre per le esercitazioni in laboratorio vengono
distribuiti di volta in volta tabulati e rilievi accompagnati
da quesiti specifici. Nelle dispense sono contenute anche
specifiche indicazioni bibliografiche
Modalità d'esame e altre info:  Prova scritta articolata su 10 domande aperte di carattere
teorico/pratico con su diversi argomenti relativi a tutte le
parti di programma con possibile richiesta di esecuzione di
calcoli, rappresentazione e commento di grafici e
determinazioni sia di tipo qualitativo che quantitativo.
Durante le uscite in bosco vengono utilizzati strumenti per
il rilevamento dei dati biometrici e topografici, mentre in
laboratorio di informatica si effettuano esercitazioni di
calcolo ed elaborazione dei dati grezzi rilevati in bosco
DOWNLOAD
Programma di Sistemi selvicolturali - unità didattica 2: assestamento forestale (versione in pdf)
indietro
Università degli Studi di Milano